“Avvocato dei Carabinieri”, la Procura diffonde le foto del truffatore seriale

Shares

La Procura della Repubblica di Bari ha deciso di inviare agli organi di stampa le fotografie di un presunto autore di estorsioni ai danni di anziani, Renato Zolfino, 32enne di Napoli, “affinché siano pubblicate per consentirne l’eventuale riconoscimento da parte di ulteriori vittime di analoghi reati”.

L’uomo, il 13 gennaio scorso, era stato nuovamente arrestato dai carabinieri di Noci (Bari) sulla base di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla magistratura barese.

Zolfino, però, era già stato arrestato dai militari tre mesi prima, in flagranza di reato a Bari, pochi istanti dopo essersi appropriato di tutti gli averi di una pensionata, sola e indifesa, alla quale aveva raccontato di essere un “avvocato dei Carabinieri”, giunto per riscuotere denaro utile ad evitare l’arresto del figlio.

L’anziana donna gli consegnò 1000 euro e svariati oggetti in oro. Solo dopo la fuga dell’impostore con il bottino, si accorse del raggiro.

Il 1° ottobre dello scorso anno, la stessa truffa venne tentata ai danni di un’anziana acquavivese, che ricevette una telefonata da una persona che le chiedeva di pagare alcune migliaia di euro ad un presunto “avvocato dei Carabinieri” per evitare il ritiro della patente del figlio, coinvolto in un incidente stradale.

Nella telefonata si spiegava, appunto, che un “avvocato dei carabinieri” si sarebbe presentato di lì a poco a casa sua per ritirare il denaro necessario per evitare guai per il figlio.

 

Potrebbero interessarti anche...