Il carretto floreale, omaggio al mondo rurale

Shares

spazi-in-fiore-giannuzziC’era un tempo in cui le piazze dei paesi italiani, soprattutto del Sud, erano popolate dai carretti, unico mezzo di locomozione ammesso a circolare nello spazio urbano. Un altro sistema di mobilità, sicuramente più sostenibile dell’attuale, di cui resta traccia diffusa nei paracarri presenti nei vicoli del centro antico. Oggi che piazza dei Martiri si appresta a tornare pedonalizzata, escludendo il transito delle auto, il fiorista Angelo Giannuzzi, nell’ambito di un progetto ideato e coordinato a Yvette Portelli, moglie del sindaco Davide Carlucci, e Antonella Semeraro (progetti MALTA), hanno voluto rendere omaggio a quel mondo. Il traino lo ha messo a disposizione l’agriturismo, braceria e antipasteria “La valle di Nonna Rosa” di Angelo Zappimbulso, ed è stato fissato sul marciapiede del lato Sud di Palazzo De Mari ad angolo con piazza Vittorio Emanuele, di fronte all’ingresso della Cattedrale. Il traino rappresenta così la civiltà contadina nella quale è stata per secoli immersa la nostra città nella sua evoluzione storica, prima che la società tecnologica, con le sue auto, l’illuminazione elettrica e tutte le altre innovazioni, prendesse il sopravvento.

Potrebbero interessarti anche...

Shares