“Comprate l’olio del consorzio”. L’appello del Comune

Shares

“Comprate l’olio del consorzio”. Il sindaco di Acquaviva Davide Carlucci lancia un appello di solidarietà a imprese e privati cittadini per sostenere la cooperativa PAA (Produttori Agricoli Associati) vittima la scorsa notte di un maxi furto di olio verde che rischia di mettere in ginocchio questa importante realtà cittadina con i suoi 450 soci.

olio del consorzio

“Comprate l’olio del consorzio”. L’appello del Comune

sindaco davide carlucci“Si chiama “agrocrimine” ed è un segmento particolarmente odioso della malavita, perché colpisce una categoria di persone che per produrre una piccola goccia di ricchezza suda sette camicie. Se si potesse giuridicamente rendere più pesanti le pene nei confronti di chi colpisce i nostri coltivatori sarebbe un atto di giustizia. Un’ulteriore aggravante la meriterebbe il reato di furto nei confronti degli agricoltori che si associano, come hanno fatto gli olivicoltori del consorzio, vittime dell’ingente furto di oro verde dell’altra notte. Ma se non possiamo cambiare il diritto penale, di sicuro, da pugliesi onesti, possiamo dare un segnale di solidarietà e di reazione acquistando l’olio (tra l’altro molto buono) dei Produttori Agricoli Associati. Facciamolo tutti, in modo corale. Dimostriamo a questa bella e sfortunata comunità di lavoratori che intorno a loro c’è una comunità ancora più grande che li sostiene anche nei momenti più difficili”. (Il Sindaco di Acquaviva, Davide Carlucci).

olio del consorzio

“Comprate l’olio del consorzio”. L’appello del Comune

L’OLEIFICIO

Una tradizione dagli anni ’60 ai giorni nostri

La storia del nostro oleificio affonda le sue radice negli anni 60, con la nascita dell’oleificio comunale di Acquaviva delle Fonti.

La passione per la produzione locale, unita alla voglia di valorizzare il nostro territorio, ha portato, nell’ottobre del 2005, ad una fusione tra due cooperative locali con la cantina sociale del paese, facendo nascere l’odierna cooperativa PAA (Produttori Agricoli Associati), con lo scopo di mantenere sul territorio di Acquaviva delle Fonti un’importante centro per la lavorazione, valorizzazione e commercio di alcuni dei prodotti tipici, non solo del nostro territorio, ma della stessa Puglia.

La PAA è formata da circa 450 soci, di svariate età, ed ha un consiglio formato da 7 figure principali, con unico revisore; la principale attività della cooperativa è l’olivicoltura, quindi la molitura delle olive e la conseguente produzione e commercio, all’ingrosso ma anche al dettaglio, di un olio di qualità ottima.

olio del consorzio di Acquaviva

“Comprate l’olio del consorzio”. L’appello del Comune

Da cosa dipende la qualità del nostro olio?
Dal prodotto di base, l’oliva “coratina”
proveniente dai territori dei soci che, puntualmente, ogni anno conferiscono il prodotto alla cooperativa
 
La fase della molitura, importantissima!
Le olive vengono spremute a freddo, mantenendo una temperatura inferiore ai 27 gradi per garantire una qualità eccellente
 
La passione e la dedizione dei soci
“Stare insieme conviene, è utile”

Queste le parole del presidente, il sig. Martielli, il quale ci racconta come la cooperativa PAA abbia sempre cercato di valorizzare il territorio Pugliese, aggregandosi a delle OP (Organizzazioni dei Produttori).

Inizialmente la PAA faceva parte di un OP denominata Terredolio e formata da 5 cooperative della provincia di Bari e dintorni.

Al giorno d’oggi la “piccola” cooperativa acquavivese fa parte di un OP molto più grande, chiamata Puglia Olive, organizzazione formata da 20 cooperative di grandi dimensioni e meriti, dislocate sul territorio pugliese. Ma perché aggregarsi a delle OP? La risposta si può facilmente estrapolare da un detto popolare “l’unione fa la forza“, infatti, stando insieme queste aziende ricevono il giusto aiuto per perseguire il loro obiettivo principale, ossia valorizzare la produzione locale e il territorio pugliese, che ha tanto da offrire.

contatti

sito internet: https://www.paa-coop.it/

Potrebbero interessarti anche...

Shares