Coronavirus, ad Acquaviva la spesa si farà solo in ordine alfabetico

Shares

Da lunedì ad Acquaviva si potrà andare a fare la spesa osservando un rigidissimo ordine alfabetico.

Si potrà utilizzare solo una lettera all’interno dello stesso nucleo familiare.

La decisione è del sindaco Davide Carlucci, intenzionato ad imprimere una ulteriore stretta alle abitudini dei concittadini per contenere la diffusione del coronavirus.

Coronavirus, ad Acquaviva la spesa si farà solo in ordine alfabetico

Coronavirus, ad Acquaviva la spesa si farà solo in ordine alfabetico

Appena pubblicata l’ordinanza sindacale n.41 del 5.04.2020 con la quale si dispone che con decorrenza immediata e fino al 13 aprile 2020 sarà possibile effettuare l’accesso presso tutti gli esercizi commerciali (ad eccezione di farmacie e parafarmacie) esclusivamente seguendo l’ordine alfabetico del cognome di un solo membro dello stesso nucleo familiare:

  • Lunedì/Giovedì dalla lettera A alla lettera F

  • Martedì/Venerdì dalla lettera G alla lettera O

  • Mercoledì/Sabato dalla lettera P alla lettera Z

Non è consentito utilizzare più di una lettera all’interno dello stesso nucleo familiare.

Sono esentati dall’osservanza della turnazione alfabetica coloro che godono dei benefici di cui alla L. N.104/1992 art.3 comma 3 (titolare o chi lo assiste) avendo cura di portare con sé la relativa certificazione per eventuali controlli.

È possibile chiedere deroga per casi eccezionali legati a turni di lavoro o altre situazioni di estrema necessità previa comunicazione a pm@comune.acquaviva.ba.it.

I titolari degli esercizi commerciali avranno cura di fare osservare le norme di sicurezza e provvederanno alla sanificazione degli ambienti due volte la settimana.

Si consiglia l’utilizzo del servizio a domicilio da parte del personale addetto, che dovrà essere dotato di dispositivi di protezione individual

Alle violazioni si applica l’art 650 del c.p. salvo diverse determinazioni che il caso potrà far scaturire dal controllo effettuato.

L’ordinanza sindacale n.41 del 5.04.2020

Potrebbero interessarti anche...

Shares