Cultura in ospedale, “Metti una sera al Miulli”

Shares

Il Miulli come luogo di Acquaviva aperto alla Cultura. Ad Acquaviva delle Fonti va in scena, da venerdì 18 marzo, “Metti una sera al Miulli”, rassegna di appuntamenti che portano l’intrattenimento, il teatro, la ricerca storica e l’enogastronomia direttamente nel più importante ospedale dell’area a cavallo tra Puglia e la Basilicata.

Si comincia venerdì 18 marzo alle 18,00 con “Carosello, genio italiano”, quando pazienti e parenti potranno seguire la performance di Franco Liuzzi – docente di Comunicazione presso l’Università di Bari e Direttore  di “Mosca Bianca” – sulla storia della televisione italiana.

È un appuntamento per tutti coloro che conoscono o che desiderano conoscere “Carosello” ma anche un modo per seguire, attraverso gli spot, il cambiamento di un Paese e della televisione italiana.

Un racconto piacevole e articolato voluto dallo stesso Ospedale, dall’Amministrazione Comunale di Acquaviva, dalla Università degli Studi di Bari e da Moscabianca, impresa di comunicazione.

Si potrà assistere all’interessante narrazione nella hall centrale dell’ospedale. Seguirà l’ 8 Aprile, alle 18, “ Storia senza tempo di amore, sopportazione e nevrosi”, a cura  della compagnia teatrale “Espressioni contemporanee”, nell’ambito del progetto “Teatro a domicilio”, promosso dall’assessorato ai Servizi sociali del Comune di Acquaviva, che mira a portare la cultura alle persone costrette a letto o su una sedia a rotelle, agli anziani e ai disabili.

Il 22 Aprile alle 18, momento dedicato a “Le eccellenze di Acquaviva”: presentazione del meglio  dell’enogastronomia  locale  a cura di Giuseppe Baldassarre, medico e saggista, e di Arcangelo Bruno, presidente del consorzio “Qualità Tipica Puglia”.

Il 6 Maggio, alle 18, Nicola Pice, della rivista “Studi Bitontini”, presenta “Il libro dei miracoli  dei santi Medici in un codice egiziano”. Seguirà uno  “Spettacolo  musicale” a cura degli studenti  del Liceo Musicale “Don Milani” di Acquaviva.

Il senso della rassegna è anche quello di aprire l’ospedale alla città. Per questo la chiusura è prevista, il 22 maggio, alle 18, in piazza San Paolo, nel Centro Antico di Acquaviva.

E’ previsto un incontro con medici e infermieri dell’ospedale“Il Miulli nel Borgo Antico: ospitalità e/è benessere”, per uno screening diagnostico.

L’intera manifestazione è organizzata dal Comune di Acquaviva e dall’Ente Ecclesiastico Miulli in collaborazione con la Rete dei Borghi Autentici e con l’associazione di Comuni “Cuore della Puglia”.

Il Comune di Acquaviva ha già promosso altri incontri in ospedale con “Musica in corsia” (con il Liceo don Milani), con l’Ordine dei Giornalisti (“Comunicare la Salute”) e con un concerto della Banda di Mellieha, Malta.

Potrebbero interessarti anche...

Shares