Curtomartino: tagliano i cavi ma non sono di rame, ladri a mani vuote

Shares

Visite in Grotta a Curtomartino – Foto di IAT Acquaviva

Non erano di rame ma di alluminio i cavi elettrici che i soliti ignoti hanno tagliato in Contrada Curtomartino la scorsa notte, per poi abbandonarli, solo in parte per strada. Alimentavano l’impianto di illuminazione della Grotta di Curtomartino.

Le campate di cavi tagliati per essere asportati, infatti, non erano di “metallo rosso” bensì di banale alluminio in lega con l’acciaio. Insomma, una composizione che non ha mercato (quello illegale si intende) e ben poco valore. Ed allora i ladri hanno desistito lasciando i cavi a penzoloni e dandosi alla fuga.

Sembra funzionare, quindi, la strategia adottata dall’Enel contro la piaga dei furti di rame. Da tempo,  in caso di reiterati furti, il materiale tanto ambito dai ladri viene sostituito dal meno prezioso alluminio, metallo più difficile da trovare rispetto al rame ma con meno mercato illegale. L’alluminio costa di più, circa il 30 per cento rispetto al rame, ma è difficilmente separabile dalla guaina.

Potrebbero interessarti anche...