Dal centro storico agli itinerari cicloturistici, le proposte di Acquaviva nel Patto firmato con Renzi

Shares

Il “Patto strategico per lo sviluppo della Città metropolitana di Bari” è stato siglato ieri dal sindaco metropolitano di Bari Antonio Decaro e il presidente del Consiglio Matteo Renzi, alla presenza di tutti i sindaci, compreso quello di Acquaviva, Davide Carlucci, e della consigliera metropolitana Francesca Pietroforte.

La realizzazione della zona a traffico limitato nel centro antico e l’attivazione di un sistema innovativo per il monitoraggio della sosta, in particolare quella riservata ai soggetti disabili.

Patto strategico per lo sviluppo della Città metropolitana di Bari

L’inserimento di Acquaviva in un percorso turistico e di valorizzazione artistico-museale legato al tema dell’acqua che coinvolge anche Alberobello e Acquaviva.

Il potenziamento degli itinerari cicloturistici in un circuito che da Giovinazzo passa attraverso l’aeroporto di Palese e arriva fino ad Acquaviva connettendosi con le infrastrutture che dal Miulli conducono fino a Matera.

Il controllo delle discariche abusive in campagna attraverso app, smartphone e altri strumenti tecnologici.

Sono questi i progetti che l’amministrazione comunale di Acquaviva, puntando a risorse per oltre un milione di euro, ha candidato al “Patto strategico per lo sviluppo della Città metropolitana di Bari”, siglato ieri dal sindaco metropolitano di Bari Antonio Decaro e il presidente del Consiglio Matteo Renzi, alla presenza di tutti i sindaci, compreso quello di Acquaviva, Davide Carlucci, e della consigliera metropolitana Francesca Pietroforte.

Il Comune di Acquaviva si inserisce così nella progettazione che mette a disposizione dell’area vasta barese 230 milioni di euro.

Acquaviva è coinvolta anche in altri progetti che riguardano l’intera area come l’Agenda digitale per i servizi ai cittadini e alle imprese.

Potrebbero interessarti anche...

Shares