I ragazzi del Don Milani di Acquaviva attendono il Capitano Ultimo

Shares

Si è svolto lo scorso mercoledì 30 gennaio, al Liceo don Milani di Acquaviva, un incontro preparatorio sulla figura del Capitano Ultimo e sui temi della legalità, umiltà, solidarietà, dignità degli ultimi, al Capitano molto cari.

Pubblichiamo il resoconto della giornata a cura della prof.ssa Giulia Calfapietro e il docufilm “Catturate Riina!” del giornalista Pino Corrias e dell’autore Renato Pezzini che, attraverso la testimonianza di Ultimo e dei Carabinieri del CRIMOR in servizio quel 15 gennaio 1993, ripercorre la cattura del capo di Cosa Nostra.

CATTURATE RIINA – Gli uomini che fecero l'impresa (HD)

Nell’inchiesta-documento Catturate Riina!  Ultimo e i carabinieri del CRIMOR in servizio quel 15 gennaio 1993 raccontano il loro metodo d’indagine e come arrivarono alla cattura del capo dei capi dopo una latitanza durata 23 anni, 6 mesi e 8 giorni.


di Giulia Calfapietro

“Vi Racconto il Don Milani”, 30 gennaio 2019

In attesa che sabato prossimo, 2 febbraio, il Capitano Ultimo, oggi Colonnello Sergio De Caprio, l’uomo che al comando dell’Unità Combattente CRIMOR del R.O.S. arrestò il boss mafioso Salvatore Riina, dialoghi con gli studenti delle classi quinte del Liceo don Milani di Acquaviva, nel corso di un evento organizzato dall’Istituto con il patrocinio del Comune della città, oggi, presso l’auditorium della scuola si è svolto un incontro preparatorio, informativo e formativo, sulla figura di Ultimo e sui temi della legalità, umiltà, solidarietà, dignità degli ultimi, al Capitano molto cari. 

L’incontro si inserisce nel percorso più ampio che l’Istituto porta avanti da anni, relativo ai nuclei fondanti di Cittadinanza e Costituzione, molto più che una disciplina di studio, piuttosto uno strumento privilegiato per conoscere il vivere sociale nei comportamenti, i diritti e i doveri, le attitudini, i valori e le leggi che regolano la coesione quotidiana nelle azioni e reazioni degli uomini, parte della stessa comunità.

Il percorso vede la Prof.ssa Mariantonietta Zingrillo, docente di diritto ed economia del don Milani, quale sostenitrice convinta delle tematiche su elencate e fautrice entusiasta delle iniziative ad esse collegate.

Gli avvocati Alessio Carlucci, Vito Stefano Pasciolla e Patrizio Galeotti hanno magistralmente intrattenuto gli studenti ed i loro docenti ricostruendo, ognuno dalla propria privilegiata prospettiva, la personalità di Ultimo, quella umana e quella professionale, soffermandosi sulle pagine più significative del suo operato nell’Arma ed in particolare sulle indagini e l’arresto del boss siciliano Salvatore Riina.

I ragazzi del Don Milani di Acquaviva attendono il Capitano Ultimo

I ragazzi del Don Milani di Acquaviva attendono il Capitano Ultimo

Con l’ausilio di materiale video e con testimonianze di vita vissuta e di racconti narrati dallo stesso Capitano è stato possibile far risaltare i punti di forza di questo personaggio: il senso di sacrificio, l’abnegazione al dovere, l’instancabile impegno a difesa della Patria, l’acume strategico, l’intelligenza ed il fiuto tattico, ma anche il coraggio e la paura, il rispetto della divisa e dell’uomo in qualsiasi condizione egli sia, i forti legami di amicizia con gli uomini della sua squadra basati sulla stima e la condivisione di strategie ed obiettivi da raggiungere.

Ultimo, a 25 anni dall’arresto di Riina, vive in condizione di isolamento e protezione, a viso coperto e spesso con voce camuffata, sempre convinto di aver operato per il bene del paese e di aver rinunciato alla sua libertà, alla sua serenità con la consapevolezza che “vivere davvero è vivere al servizio degli altri”.

Gli studenti sono rimasti dapprima sconcertati, poi affascinati da questa figura, la cui storia li ha costretti a riflettere sulle caratteristiche e le peculiarità dell’essere “uomo fra gli uomini ed al loro servizio, sempre”.

I ragazzi del Don Milani di Acquaviva attendono il Capitano Ultimo

I ragazzi del Don Milani di Acquaviva attendono il Capitano Ultimo

Ultimo non si vantava, non pretendeva un comportamento di riguardo nei suoi confronti e, interpretando fino in fondo il ruolo di ultimo, diventava inevitabilmente il primo, il punto di riferimento per tanti che lo conoscevano e percorrevano con lui un pezzo di strada.

L’incontro è stato aperto dalla Dirigente scolastica del don Milani, dott.ssa Maria Rosaria Annoscia e coordinato dalla Prof.ssa Mariella Nardulli, docente di lettere e referente al territorio.

Ora vi è grande attesa per l’evento di sabato 2 febbraio. Tante le riflessioni odierne che sfoceranno in domande, interrogativi, dubbi, nella speranza che il Capitano Ultimo possa rispondere a tutti.

Si ricorda, a coloro che non potranno prendere parte alla manifestazione, per la fissa disponibilità di posti nell’auditorium dell ‘Istituto o per motivi di sicurezza, che l’incontro con il Capitano Ultimo sarà trasmesso in streaming, su Facebook, dall’emittente locale Radio Futura New Generation.

Ci piace concludere condividendo questo pensiero: nonostante le sue grandi azioni, sia come carabiniere che nei Servizi, Ultimo è sempre stato una persona umile, un patriota, un carabiniere puro, amato dall’Arma.

Alle onorificenze rispondeva: «Questi riconoscimenti sono di un mondo che non mi appartiene».

Noi per qualche ora siamo riusciti a fare capolino nel suo mondo e a godere di qualche scorcio. Per questa opportunità siamo davvero riconoscenti. 

Potrebbero interessarti anche...

Shares