Tentano assalto al bancomat con una gru, ma fuggono a mani vuote

Shares

E’ accaduto la notte scorsa. Nel mirino dei malviventi la filiale della Deutsche Bank in Piazza V. Emanuele.

Sono riusciti a sfondare la vetrata blindata con una gru ma l’arrivo dei Carabinieri e della Vigilanza li ha messi in fuga. 

Di solito li fanno saltare in aria con gas o esplosivo, a volte li spaccano con pesanti attrezzi da scasso. Ma nell’ultimo assalto ad un bancomat, invece, il malviventi hanno utilizzato una gru, che ha “sradicato” tutto il macchinario dalla sua sede.

E’ questa la tecnica usata per l’ultimo tentativo di furto avvenuto questa notte ai danni dello sportello bancomat della filiale Deutsche Bank nella centralissima Piazza Vittorio Emanuele ad Acquaviva.

A mettere in atto il tentato furto, verso le 3,00 di notte, 5 persone col volto coperto da passamontagna, che hanno cercato di asportare la cassaforte del bancomat sfondando la vetrata con un autocarro munito di Gru.

Ma il tentativo è andato a vuoto grazie al pronto intervento di due pattuglie della vigilanza “La Fonte” – giunta sul posto grazie al sistema di allarme collegato in centrale – nonché dei Carabinieri di Acquaviva e del Nucleo radiomobile di Gioia del Colle, alla cui vista il gruppo si è dato immediatamente alla fuga a bordo di un’auto di grossa cilindrata bianca, lasciando sul posto l’autocarro dotato di gru utilizzato per lo sfondamento della vetrata, che è stato sottoposto a sequestro giudiziario dai militari intervenuti.

Da alcune indiscrezioni sembrerebbe che questa notte, al momento dell’assalto al bancomat, l’area stradale di parcheggio vicina alla sede dell’istituto bancario fosse completamente libera, lasciando così ipotizzare che il gruppo avesse preventivamente parcheggiato qualche autovettura, così da poterle agevolmente rimuovere a tempo debito per consentire l’intervento dell’autocarro.

Sono in corso le attività di verifica sui mezzi per risalire agli autori del fallito colpo, oltre che sulle immagini registrate dalle videocamere di sicurezza della banca.

Potrebbero interessarti anche...

Shares