Trulliamo il mondo!

Shares

In barba a personaggi vip che denunciano scarsa attrattiva per visitare e soggiornare al Sud, c’è chi pensa di poter nutrire e recuperare talenti della nostra terra, i trullari.

di Maria Gargano

Dopo l’enorme successo della seconda edizione del corso per la realizzazione dei muretti a secco, organizzato col patrocinio del comune di Acquaviva dall’associazione L’Incontro Onlus e il gruppo culturale Insieme per Acquaviva, svoltosi dal 12 al 17 settembre scorso, che raccoglie adesioni sempre più variegate quanto ad età e provenienza dei partecipanti, ha avuto inizio lunedì 3 ottobre, il corso di formazione agricoltura 3.0.

Potatura e innesti, muretti a secco e ora trulli. I due rispettivi presidenti, Eustachio Roberto Tritto e Mimmo Ferrulli non hanno sassi nelle scarpe ma hanno decisamente la pietra nelle mani, una pietra importantissima e dimenticata per troppo tempo.

Dall’incursione avvenuta ieri pomeriggio, durante la penultima lezione del corso, c’è rimasto impresso l’orgoglio nella voce del direttore dei lavori Mimmo Ferrulli e del maestro trullaro, già maestro paretaro, Idris, oltre al forte entusiasmo e grande propensione al lavoro dei partecipanti.

Prima edizione corso base di realizzazione trulli, L'Incontro Onlus e Insieme per Acqauviva

Prima edizione corso base di realizzazione trulli, L’Incontro Onlus e Insieme per Acquaviva

Costruire è ciò di cui la vita ha più bisogno. Nessuno può demolire nulla mentre è in costruzione… i progetti, i sogni, le ambizioni hanno il potere magico di far diventare tutto possibile. ”Costruire” è un dovere e il corso per la realizzazione di muretti a secco e ora i trulli, il successo, la determinazione e la buona organizzazione, sono il simbolo di quel potere… un potere forte. Poi la pietra è in grado di trasmettere emozioni sotterranee, lasciate lì da qualcuno, emozioni che entrano nelle nostre mani e creano energia viva!

<<I nostri antenati– interviene Ferrulli- hanno portato con sé la loro cultura di paretari e trullari quando hanno dovuto cercar fortuna fuori dalla loro patria e oggi, che nessuno sa più fare questi mestieri, uomini come Idris (di origine albanese) che hanno fatto tesoro di tale arte, ora la reinsegnano a ragazzi, uomini ma anche donne che condividono la nostra missione: riappropriarci delle nostre radici e, soprattutto, cercar di dar futuro lavorativo in questo campo.>>

Penultima lezione corso base per la realizzazione di trulli ad Acquaviva.

Penultima lezione corso base per la realizzazione di trulli ad Acquaviva.

Tra i partecipanti diversi veterani provenienti dal corso sulla realizzazione di muretti a secco di cui una donna, l’unica di questa prima edizione sulla realizzazione base di trulli.

Tutti entusiasti, alcuni di loro fanno centinaia di chilometri al giorno per essere nella nostra campagna ad apprendere l’arte di tagliare le pietre, poggiarle una sull’altra in maniera magicamente lineare e poi girarci intorno.

Ci vogliono una decina di persone che lavorano insieme alla costruzione di un trullo, un lavoro di squadra, di attenzione, precisione e soprattutto passione. E’ per esperienze così che ha pieno senso pronunciare la parola edificante!

Maria Gargano

Autrice della pagina facebook ‘’Ermetica..mente’’, una maniera per dar vita alle mie parole, mandarle in giro per il mondo... dalla mia mente a quella di chi legge, un viaggio per il mondo e ritorno. Una pagina in cui vive a pieno il mio amore per l’ermetismo, innato, prepotente, lasciato lì in attesa... finché ho deciso di dare voce alla mia anima… costantemente in lotta contro il tempo che avanza lasciandoci un attimo dopo il presente, tra il passato appena strappatoci e il futuro sempre troppo in anticipo… in continuo deficit di bilancio con ciò che avremmo voluto e soprattutto potuto fare, rispetto a ciò che abbiamo realmente fatto. Una voglia di fermarlo, il tempo, almeno nelle parole, per potercisi rituffare rileggendole. Un turbinio di sensazioni che stanno dietro e dentro ad un linguaggio criptico che non si può spiegare ma solo capire. Con un romanzo nel cassetto e la voglia di concedermi il tempo per scrivere, nella frenetica voragine dettata dal tempo, in una quotidianità fatta di responsabilità, oneri, famiglia, amore e sogni tenuti a mezz'aria. In tutto questo, la passione per il giornalismo telematico si fa spazio, in me, per gioco o condizione e mi mette ogni volta alla prova, come la prima, nella stesura di articoli in cui il linguaggio deve mantenersi chiaro, esplicito e condivisibile, lontano dal mio modo di narrare le emozioni. Forte motivazione è il desiderio di sottolineare la bellezza delle cose, da uno spettacolo teatrale ad una manifestazione cittadina, ad una persona talentuosa, qualsiasi cosa meriti essere ricordata in maniera indelebile.

Potrebbero interessarti anche...

Shares