Un weekend di cultura con la rassegna “Io non dimentico”


Shares

Un weekend all’insegna della cultura con una tripletta di presentazioni di libri inserite nella rassegna “Io non dimentico” organizzata dal Comune di Acquaviva delle Fonti.

Iniziamo oggi pomeriggio, venerdì 14 febbraio ore 19.00 Sala G. D’Ambrosio Angelillo con la presentazione del libro di e con Remo Calcich, autore di “Italiano con la coda”, romanzo storico autobiografico, ambientato tra l’Istria e la Puglia, che descrive il suo mondo al confine tra la cultura slava e quello neolatina. È un’occasione per comunicare alle giovani generazioni una memoria fatta di Irredentismo, Grande Guerra, Esodo e “Magica Puglia”. Un lungo viaggio dalla seconda guerra mondiale, al comunismo di Tito, fino ad approdare in terra brindisina con l’esperienza dura del campo profughi.
Partecipano al dibattito Giovanni Ventura, colonnello del 7° Reggimento Bersaglieri e Domenico Bolognese, presidente Associazione Campo PG 65, modera il consigliere Beppe Di Vietri.

Un weekend di cultura con la rassegna “Io non dimentico

Italiano con la coda

Domani, sabato 15 febbraio ore 18.00 Sala G. D’Ambrosio Angelillo “Dialoghi sul Judo” di Giuseppe Tribuzio.
Presentano il libro:
Francesco Sidoti Sociologo e Criminologo, professore emerito Università di L’Aquila
Gianluca PunzoArcheologo e Storico dello Sport
Raffaele LisiPluricampione nazionale, P.O. Olimpiade di Atlanta
La forma del dialogo di Platone permetteva di dar voce a più personaggi, e quindi fare “incontrare” più idee. Dialogare sul Judo e sugli argomenti che lo sfiorano è un ottimo esercizio di riflessività, e data la natura “flessibile” insita nel Judo, coniugata alla nostra identità che affonda le sue radici nella cultura greco-romana, può creare una miscela in grado di formare una nuova specifica identità, frutto di una consapevolezza che tenga in considerazione le due differenti peculiari “origini”. Questo libro vuole dimostrare come sia possibile discutere e approfondire i temi che riguardanti il Judo attraverso una metodica a noi familiare e molto simile a quella giapponese: il dialogo.

Un weekend di cultura con la rassegna “Io non dimentico

Dialoghi sul Judo

Domenica 16 febbraio ore 19.00 Sala G. D’Ambrosio Angelillo “Il sacro femminile nelle costellazioni familiari”, un saggio tanto agile quanto utile, nel quale Sara Verderi ripercorre la sua esperienza personale e professionale, partendo dal metodo delle costellazioni familiari, messo a punto da Bert Hellinger, e offrendo al lettore chiavi ermeneutiche interessanti e inedite.
Dialoga con l’autrice Annarita Lorusso, Presidente Associazione Culturale Virginia Woolf.

Un weekend di cultura con la rassegna “Io non dimentico

Il sacro femminile nelle costellazioni familiari

Potrebbero interessarti anche...