Voci in Maschera 2020: cronaca di una serata meravigliosa!

Shares

Si è svolto anche quest’anno “Voci in Maschera”, l’originale ed attesissimo evento organizzato dal soprano Natalizia Carone in seno all’Associazione MUSInCanto, culla del Festival Opera de Mari. 

Grande partecipazione, arte e buonumore, sono stati gli ingredienti della manifestazione canora e di recitazione “Voci in Maschera 2020”, svoltasi lo scorso 25 Febbraio nella splendida cornice della Sala Colafemmina di Palazzo De Mari, resa più bella grazie agli addobbi messi a disposizione dal fiorista Angelo Giannuzzi.

Voci in Maschera 2020

Voci in Maschera 2020: cronaca di una serata meravigliosa … a detta di tutti!

I 18 partecipanti hanno dato Voce a Maschere meravigliose e coloratissime, sfoggiando costumi creativi ed offrendo al numeroso pubblico interpretazioni divertenti e molto particolari, e dando così vita ad una serata davvero meravigliosa, all’insegna del talento e dell’estro artistico.

L’Evento è stato organizzato dal soprano Natalizia Carone in seno all’Associazione MUSInCanto, culla del Festival Opera de Mari, che continua ad offrire alla nostra Città spazi espressivi di grande qualità, dove gli artisti, anche non professionisti o semi-professionisti, in erba o meno, giovani e meno giovani, possano esprimersi e farsi conoscere, generando al contempo occasione di svago e di arte da vivere per la cittadinanza.

“Li ringrazio per tutto quello che fanno per animare la nostra città” ha dichiarato entusiasta al nostro Blog il Sindaco Davide Carlucci, che ha patrocinato l’evento per il Comune di Acquaviva delle Fonti ed è intervenuto personalmente alla serata.

Voci in Maschera 2020 - l'intervento del sindaco di Acquaviva Davide Carlucci

Voci in Maschera 2020: cronaca di una serata meravigliosa … a detta di tutti!

Voci in Maschera è divenuta così, per la Carone, occasione di creatività per permettere agli allievi della sua scuola di canto e voce ma anche a partecipanti esterni di “vestire a maschera la propria Voce” non solo attraverso i colori della voce stessa ma anche attraverso la creazione di una maschera e di un costume. “In fondo vestire a maschera la propria voce è possibile ed è qualcosa che probabilmente facciamo diverse volte al giorno, senza neanche accorgercene!” affermava Natalizia al nostro blog presentando l’edizione 2019 di Voci in Maschera.

Con i cantanti della Compagnia InCanto Maria Pia Biffi, Lucia Fasano, Kejsi Hida, Annamaria Labarile, Mina Lorè, Alessandro Sannelli, Adriano Sannicandro, Alessia Sapone e Paola Scalera si sono esibiti anche Marika Luciana D’Elia, Pasquale Lerario, Maria Battista, Karol Pietroforte, Maria Saturno e Gaetano Bruno, Giusy Cuscito, Lucia Accetta, Piero Novielli e Alessandra Spennati.

Voci in Maschera 2020

Voci in Maschera 2020: cronaca di una serata meravigliosa … a detta di tutti!

La Giuria, composta da Caterina Grilli, Assessore alla Cultura del Comune di Acquaviva, dallo scrittore e poeta acquavivese Giuseppe Milella, da Isabella Montenegro, ideatrice del gruppo “Folletti di Natale”, dall’avvocato Vito Pasciolla e dall’imprenditore Giuseppe Solazzo, Direttore Amministrativo del Festival Opera de Mari, ha faticato parecchio per premiare le maschere partecipanti: la Voce in Maschera più simpatica, quella più creativa, la voce in maschera dall‘interpretazione più significativa e il Premio Voci in Maschera 2020.

Natalizia Carone ringrazia la Croce Rossa per il Presidio predisposto in sede durante l’evento

Quest’ultimo Premio è stato offerto da Angelo Graziano e Francesco Ciriello, creatori della maschera realizzata con la tecnica 3D rappresentativa dei Mascheroni di Acquaviva, uno dei simboli di Palazzo de Mari, con funzione apotropaica, indossata per la prima volta a marzo dello scorso anno dai musicisti dell’orchestra ritmica pugliese “Bandita” e divenuta, con l’occasione, il Premio ufficiale della manifestazione Voci in Maschera.

Secondo la giuria, la Voce in Maschera più Simpatica è stata quella interpretata dal piccolo cantante Pasquale Lerario (appena 9 anni e allievo dell’Istituto Comprensivo De Amicis – Giovanni XXIII) con “Gormito Supremo della Natura” (premio offerto da Canarino e Festeggiando), la Maschera più Creativa è stata quella presentata dalla cantante Alessia Sapone (22 anni) che ha proposto “Gold Doll – Bambola d’oro” (premio offerto da Pasticceria Sapone e Pizzeria Barbanera), la Maschera con migliore interpretazione è stata quella presentata dall’attore Piero Novielli con il toccante monologo “Quest’amore” (Premio offerto da Pannacciulli Profumeria e Regalomania).

Il Premio Voci in Maschera 2020 è stato assegnato al cantante Adriano Sannicandro (24 anni) che ha interpretato “Freddy l’amore di un Mito”, al quale, oltre alla singolare opera in stampa 3D del MASCHERONE offerto da Francesco Ciriello e Angelo Graziano, è andato anche un buono offerto dalla Libreria Mondadori di Acquaviva e un buono offerto da Caffè del Municipio.

Karol Pietroforte

Consegnata una pergamena di merito per l’estro artistico alla giovane Karol Pietroforte per aver collaborato alla creazione della Locandina nella realizzazione del titolo “Voci in Maschera” con la tecnica del lettering, dimostrando non solo creatività e un certo estro artistico ma anche intraprendenza e una singolare disponibilità alla collaborazione.

Per la giovane Karol, studentessa presso la Scuola Secondaria di I’ grado Giovanni XXIII di Acquaviva delle Fonti, oltre all’attestato anche un Buono Acquisto offerto dalla Cartoleria Everprint di Acquaviva.

“Dopo un iniziale timore di dover annullare l’evento a causa della situazione attuale di prevenzione e attenzione rispetto all’emergenza coronavirusafferma la Carone –   siamo riusciti a vivere anche ad Acquaviva un momento dedicato al Carnevale. Ringrazio a tal proposito la Croce Rossa per il Presidio predisposto in sede durante l’evento e ringrazio l’Amministrazione Comunale per il sostegno e il patrocinio. Sono lieta di essere riuscita a dar vita in collaborazione con l’Ass. MUSInCanto alla seconda edizione di Voci in Maschera che non vuol assolutamente essere un concorso canoro (dato che peraltro viene lasciato spazio non solo al canto) ma una semplice manifestazione in cui possa prender vita con giovialità e spensieratezza una Creatività attiva in grado di ‘contagiare’, grazie all’amore per l’arte, alla fantasia, alla passione, all’entusiasmo e alla intraprendenza di chi vi partecipa, anche chi lascia fin troppo spazio a pigrizia e grigiore capaci di alienare fin troppo l’essere umano, senza che spesso se ne renda conto…”

Voci in Maschera 2020

voci in maschera 2020 conclusione

 

Potrebbero interessarti anche...