Violenza in Guardia Medica, domiciliari e braccialetto elettronico per il presunto aggressore

Shares

Violenza in Guardia Medica

É stata eseguita l’ordinanza del Tribunale della Libertá di Bari che aveva revocato la misura della custodia cautelare in carcere per il 51enne ex dipendente del Comune di Acquaviva, arrestato lo scorso 13 novembre per violenza sessuale e stalking nei confronti di una dottoressa in servizio di guardia medica. 

L’uomo è stato scarcerato con l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, ma è stato sottoposto a particolari modalità di controllo mediante mezzi elettronici (cd. braccialetto elettronico) in considerazione della natura e del grado delle esigenze cautelari da soddisfare nel caso concreto. 

Violenza in Guardia Medica, domiciliari e braccialetto elettronico per il presunto aggressore

Il Tribunale del Riesame di Bari, nel provvedimento messo in esecuzione oggi, aveva tra l’altro ritenuto improcedibile il reato di violenza sessuale perché denunciato oltre il termine di 6 mesi previsto dalla legge in questi casi. 

“Ravvisiamo la connessione con reati procedibili d’ufficio – aveva dichiarato il Procuratore Volpe annunciando l’intenzione di impugnare la decisione del Tribunale – e questo supera il problema della improcedibilità per querela tardiva”. Nella contestazione di stalking sono compresi i reati di “minacce gravi, violazione di domicilio aggravata e violenza privata, che sono tutti reati procedibili d’ufficio”.

L’uomo è rimasto in carcere fino a quando non si è reso disponibile il braccialetto elettronico. I Giudici hanno infatti ritenuto che l’applicazione della misura degli arresti domiciliari con l’utilizzo del braccialetto elettronico fosse subordinata all’accertamento preventivo della disponibilità dei mezzi elettronici o tecnici da parte della polizia giudiziaria.

Si attende, adesso, l’esito del ricorso depositato dalla Procura che potrebbe ribaltare la decisione del Tribunale del riesame, dichiarando procedibile anche il reato di violenza sessuale. 

 

Potrebbero interessarti anche...

Shares