Fondo di Solidarietà, l’appello del Sindaco: “Donate”

Shares

Come iniziativa umanitaria, non se l’era filata nessuna. Ora, però, una polemica politica l’ha riportata in auge.

Stiamo parlando del fondo di solidarietà per l’emergenza coronavirus che il Comune di Acquaviva, come tutti i Comuni d’Italia, ha istituito per andare incontro ai cittadini in difficoltà a causa della crisi legata al Covid.

Fondo di Solidarietà l'appello del Sindaco Davide Carlucci

Fondo di Solidarietà, l’appello del Sindaco: “Donate”

“Forse non l’abbiamo pubblicizzata abbastanza”, fa autocritica il sindaco Davide Carlucci, che però rilancia: “Non è mai troppo tardi, invece di litigare tra noi, alimentiamo questo fondo. Basterebbe che 2500 cittadini acquavivesi mettessero 20 euro a testa per arrivare alla quota prefissata, 50mila euro”.

Carlucci prova a gettare acqua sul fuoco dello scontro che si è aperto in consiglio sull’entità della somma messa a bilancio. “I consiglieri di minoranza volevano sapere perché si è ipotizzata quella cifra in un modo, a loro dire, aleatorio. Abbiamo cercato di dare la nostra spiegazione: si tratta di istituire un capitolo con una cifra x, che per ragioni meramente contabili non può che essere meramente previsionale ma deve essere comunque ipotizzata”.

Lo stesso primo cittadino, però, ha proposto di superare la querelle sollecitando tutti a contribuire, ponendosi come obiettivo proprio il raggiungimento della somma preventivata. “Non lo chiedo naturalmente a tutti gli indigenti, a chi ha perso il lavoro o alle partite Iva che si sono impoverite a causa della crisi. Non tutti, però, sono in queste condizioni. Per alcuni il lockdown non ha costituito alcuna perdita di reddito. Altri, una sparuta minoranza per la verità, ne sono stati addirittura beneficiati. Bene: se tutte queste persone dessero un minimo contributo, sarebbe un bel segnale di coesione per la nostra città”.

Finora nelle casse di Palazzo De Mari sono entrati solo 700 euro. Tra i donatori anche gli studenti e i docenti del Don Milani, che hanno organizzato una colletta.

Le donazioni possono essere effettuate al Comune di Acquaviva tramite bonifico, sia dall’Italia che dall’estero, utilizzando le seguenti coordinate bancarie:

BBAN: O 01030 41300 000005034685
IBAN: IT 79 O 01030 41300 000005034685
BIC: PASCITM1B99
Intestato a COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI
DONAZIONI EMERGENZA COVID- 19

E’ prevista la detrazione dall’imposta lorda ai fini dell’imposta sul reddito pari al 30% per un importo non superiore a 30.000 euro (comma 1 dell’art.66 del D.L. del 16 marzo 2020). L’iniziativa è disciplinata con l’ordinanza n. 658 del 29 marzo 2020 del Capo del Dipartimento della Protezione Civile presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri che individua “Ulteriori interventi urgenti in relazione all’emergenza Coronavirus”. 

Potrebbero interessarti anche...

Shares