Riqualificazione, l’ex Distilleria e l’ex Consorzio Agrario di Via Monteschiavo torneranno alla collettività

Shares

Saranno realizzati poliambulatori medici, attrezzature e centri socio-sanitari, un centro sportivo ed uno socio-culturale ed alcune attrezzature commerciali di base. La realizzazione delle opere potenzierà inoltre la presenze di aree verdi, alberature e spazi comuni di socializzazione.

Dopo anni di abbandono l’ex Distilleria e l’ex Consorzio Agrario di via Monteschiavo saranno ristrutturati e torneranno alla collettività come spazio pubblico.
Lo stabilisce una delibera di Giunta con cui si dà il via libera alla pianificazione tra i proprietari degli immobili e l’Amministrazione Comunale.
Il progetto è stato anticipato con una nota del Sindaco Davide Carlucci e dell’Assessore all’Urbanistica Francesco Bruno.

Nella seduta della Giunta Comunale di lunedì 25 settembre è stato adottato il piano di lottizzazione di riqualificazione della maglia F5.04 del PRG, su via Monteschiavo, che include gli immobili della ex distilleria e dell’ex consorzio agrario.

Dopo un complesso processo di co-pianificazione durato circa tre anni fra i proprietari degli immobili e l’Amministrazione Comunale, si è giunti infatti prima alla definizione degli interventi e delle relative destinazioni d’uso e poi all’avvio del processo autorizzativo, che consentirà ad una delle più significative aree dismesse del nostro paese di essere riqualificata e di ritornare a svolgere una funzione importante nel tessuto urbano.

Il piano prevede infatti la realizzazione di diversi servizi pubblici rivolti alla collettività, che si inseriscono, in posizione strategica, a completamento di alcune strutture scolastiche già esistenti (il Rosa Luxembourg, il nuovo Chiarulli ed il Colamonico) ed a ridosso sia della circonvallazione, che ne favorirà l’accessibilità, e sia del centro urbano, vista la prossimità con la stazione ferroviaria.

Saranno realizzati poliambulatori medici, attrezzature e centri socio-sanitari, un centro sportivo ed uno socio-culturale ed alcune attrezzature commerciali di base. La realizzazione delle opere potenzierà inoltre la presenze di aree verdi, alberature e spazi comuni di socializzazione.

Il provvedimento di adozione del piano segna l’avvio dell’iter autorizzativo che, dopo aver espletato gli adempimenti regionali di compatibilità paesaggistica e la fase delle osservazioni, consentirà il successivo passaggio di approvazione definitiva del piano e di successivo rilascio dei permessi di costruire.

La riqualificazione dell’ex distilleria rappresenta un passaggio importante per l’urbanistica acquavivese che consentirà di rimuovere una vasta area in stato di abbandono sia al degrado fisico delle strutture edilizie sia alle scarse condizioni igienico-sanitarie che ne conseguivano. E al contempo sarà l’occasione per potenziare nella comunità i servizi alla collettività, per elevare la qualità del quartiere e per offrire qualche opportunità lavorativa al territorio.

Potrebbero interessarti anche...

Shares