Acquaviva Plastic Free: 420 borracce per i piccoli studenti delle scuole primarie

Shares

L’obiettivo è sensibilizzare i piccoli studenti delle scuole elementari a limitare l’uso della plastica usa e getta e favorire il consumo dell’acqua pubblica.

Anche tra i banchi di scuola la sostenibilità diventa una priorità per l’Amministrazione Comunale di Acquaviva delle Fonti.

Acquaviva Plastic Free

Acquaviva Plastic Free: 420 borracce per i piccoli studenti delle scuole primarie

Un impegno che passa attraverso la riduzione delle bottigliette di plastica a favore delle borracce di alluminio, igieniche e riusabili, con l’obiettivo di ridurre l’uso della plastica ma anche quello di promuovere l’acqua pubblica.

Ed è proprio nell’ottica di un consumo etico e responsabile che venerdì 20 dicembre, alle 12:30, e sabato 21 dicembre, alle ore 12:00, l’Amministrazione comunale distribuirà gratuitamente 420 borracce di alluminio ai piccoli studenti delle seconde e terze classi elementari del primo circolo e alle prime e seconde classi elementari del secondo circolo.

“Questa nuova iniziativa – spiega l’assessore all’ambiente Venturina Caporussosi inserisce nell’ambito della campagna plastic free avviata con l’istallazione nel territorio comunale delle “Case dell’Acqua” e ci auguriamo possa contribuire a sensibilizzare i bambini della primaria ad un uso più consapevole dell’acqua pubblica e della plastica monouso”.

“Bere l’acqua del rubinetto o quella delle nostre Case dell’Acqua vuol dire bere un’acqua controllata e che arriva nelle nostre case senza trasporti e generare inquinamento.  Bere in contenitori riutilizzabili consente inoltre di ridurre la produzione e dispersione di plastica, un comportamento che richiede un impegno ma che dà in cambio risparmi e qualità, per la nostra vita e per l’ambiente che ci circonda e che dobbiamo preservare per le generazioni future.”

Alla cerimonia di consegna, oltre all’assessore Caporusso, prenderanno parte il Sindaco Davide Carlucci e le Dirigenti Scolastiche, Prof. sse Anna Maria Bosco e Valeria Brunetti.

Potrebbero interessarti anche...

Shares