Razzismo a Gioia del Colle: Insorgono i Sindaci Itc Puglia

Shares

Le “razze”, dalle nostre parti, esistono solo in pescheria e i gioiesi dovrebbero saperlo bene”, dice il sindaco di Acquaviva Davide Carlucci.

“Siamo in piena regressione culturale”. E’ sconcertato Davide Carlucci, presidente provinciale Italia in Comune Bari, dinanzi alle parole del segretario della Lega di Gioia del Colle che, durante l’evento di presentazione del candidato Giovanni Mastrangelo ha parlato di alcune razze che sarebbero tendenzialmente vocate al delinquere, parole, quelle del referente leghista, poi segnalate dal vicesindaco Enzo Cuscito.

Sentir dire a un referente politico, in pieno 2019, che “i reati sono compiuti per l’80% delle volte da stranieri, magari irregolari” mi fa rabbrividire. Sapere che tutto ciò non è avvenuto dall’altra parte d’Italia, in un altro Paese, ma a pochi chilometri da noi, fa inorridire ancora maggiormente,  se possibile. Ormai l’arretramento verso forme più o meno velate – in questo caso, pienamente manifeste!- di razzismo è arrivata alle porte della nostra città. Non c’è alcuna ragione per parlare di “razze” se non per un cinico marketing politico. Io ho sempre dato disposizione, ad Acquaviva, di controllare gli appartamenti dove abitano stranieri irregolari, così come coloro che chiedono elemosina davanti ai supermercati, e ho anche vietato di chiederla davanti al cimitero, per questioni di sicurezza. Ma so bene che l’emergenza criminale da noi non è certo questa, così come non lo è a Gioia del Colle. Le “razze”, dalle nostre parti, esistono solo in pescheria e i gioiesi dovrebbero saperlo bene”, dice il sindaco di Acquaviva.

razzismo a gioia del colle

Razzismo a Gioia del Colle: insorgono i sindaci Itc Puglia – L’affermazione di Vito Etna non è passata inosservata per la sua gravità. Ha detto quelle parole durante la presentazione del candidato sindaco del centrodestra a Gioia del Colle. Associazione Prodigio-si muove la città, profilo Facebook (da cui è tratta anche la foto)

“Penso ai gioiesi che, in questi giorni, saranno in un ciclone mediatico per colpa di uno solo di loro. Conosco gli abitanti di Gioia, conosco la gente del Sud. Non siamo razzisti, non siamo così superficiali. Diciamolo a gran voce perché le parole di uno non diventino, nell’immaginario collettivo, il pensiero di tutti. Noi siamo ‘una razza diversa’ “, gli fa eco Giuseppe Nitti, coordinatore provinciale per Bari del partito.

Insorge anche Michele Abbaticchio, coordinatore regionale e vicecoordinatore nazionale di partito: “C’è un nonsoché di lombrosiana memoria nelle parole del segretario della Lega. Il partito di cui fa parte non ha fatto mai mistero di avere il suo leitmotiv nella divisione, nel cercare disperatamente di far scoppiare guerre fra poveri. Lo hanno fatto fino a dieci anni fa con la loro campagna nord contro sud, lo stanno facendo ora con un nuovo cavallo di battaglia che si scrive ‘amore per la Patria’ e si legge ‘xenofobia’. Qualcuno dia un libro di storia al referente ‘politico’ di Gioia del Colle. Gli dica che le teorie per cui alcune ‘razze’ sono più delinquenti delle altre sono state screditate dalla scienza. Per il resto, siamo d’accordo con lui: esistono razze e razze. Esistono, ad esempio, la razza umana o le razze di ‘idioti’, nel senso politico del termine”. 

Italia in Comune Puglia

Ufficio Stampa regionale – Laura Bienna

Potrebbero interessarti anche...

Shares